7
Giudizio Complessivo "Buono"

Ci prendiamo una pausa dall’Universo Metal per focalizzare la nostra e la vostra attenzione verso un album  che ci porta nelle assolate e lontane terre australiane. Un album Rock che fa della melodia la sua forza.

Protagonista di questa nostra escursione in un genere che avevamo leggermente accantonato in favore delle molteplice e sempre in crescita uscite Metal è il cantante e poli-strumentista Dion BaymanDion inizia ad approcciarsi alla musica fin dall’infanzia iniziando a suonare il piano a soli sei anni e portando avanti gli studi sullo strumento fino ai diciassette anni; ed è proprio durante l’adolescenza che la voglia di scrivere ed interpretare la propria musica si fa strada nella sua mente e Dion inizia a registrare le proprie canzoni e a sentire le sue canzoni richieste e passate nelle radio. In breve tempo inizia ad essere conosciuto e ad acquisire popolarità tra le Rock band locali. Grazie a questa popolarità inizia ad esibirsi live incrementando il suo seguito e parallelamente dimostra di avere ottime abilità anche come produttore.

Il primo album, “Smoke and Mirrors“, viene pubblicato (auto-prodotto) nel 2013. A questo debutto faranno seguito “Afterburn” nel 2014 e “Don’t Look Down” nel 2016, sempre auto-prodotti.

A due anni di distanza, possiamo oggi presentarvi il quarto full dell’artista australiano, “Better Days” in uscita il 21 Settembre via Art Of Melody Music / Burning Minds Music Group. Dall’iniziale “Ready For The Real Thing” passando per la title-track “Better Days” fino a “Fallin’ For You” per poi chiudersi con “Out Of Mind Out Of Sight“, “Cold” e “If I Could” si viene pervasi da diverse emozioni che vanno dal sognante alla voglia di mettersi a ballare coinvolti dalle melodie del pianoforte, dai riffs e dagli assoli della chitarra e dai ritmi che danno il giusto corpo ad ogni canzone. Anche gli inserimenti di suoni e soluzioni più moderne e ammiccanti al radiofonico che fuoriescono da ogni singolo arrangiamento, sempre nelle giuste dosi, danno il loro forte contributo alla riuscita dei pezzi di cui l’album è composto. L’insieme di musica e voce riesce ad ottenere un’impronta riconoscibile nonostante le influenze che si sentono che pescano dal Rock degli anni ’90 che vanno da Rob Thomas a Bon Jovi passando Keith UrbanRichard Marx e Bryan Adams come lo stesso artista dichiara. Influenze che si sentono in maniera molto nitida all’interno del sound di questo album e che lo rendono molto più facilmente appetibile per gli amanti del Rock melodico e moderno tipico degli ultimi vent’anni. Le abilità compositive ed esecutive dell’artista che si occupa di tutti gli strumenti e delle vocals è indiscutibilmente di gran livello e ogni parola e ogni nota riescono a trasportare con una facilità disarmante.

TRACKLIST:

  1. Ready For The Real Thing
  2. Rise And Fall
  3. Better Days
  4. The Best Times Of My Life
  5. Leap Of Faith
  6. Fallin’ For You
  7. Pieces
  8. Out Of Mind Out Of Sight
  9. Cold
  10. If I Could

LINE-UP:

Dion Bayman – Vocals / All Instruments

WEB:

Facebook

YouTube

Official Website

Commenti

Commenti