Home / Band Emergenti / Perdona ma non dimenticare – Voci nella mia testa

Perdona ma non dimenticare – Voci nella mia testa

Voto su 10 - 6.8

6.8

User Rating: Be the first one !

Facciamo un salto nel passato e andiamo a conoscere una band nata nella scena ellenica di inizi anni ’90. I The Crucifier nascono a Febbraio 1995 ad Atene dalle menti di Hlias “Thanatoid” Kyriazis e Giorgos Kyriazis. I primi passi della band vengono scanditi dall’uscita di tre Demo: “Infernal Pain” (’95), “Totally Madness” (’96) e “Fear Is Your Mind” (’98). Mentre la formazione della band ateniese subisce diversi cambi al suo interno vengono rilasciati gli EP “Innocent Word” (2001) e “Escape Or Die” (2004) separati dall’uscita del primo full-length intitolato “Merciless Conviction” nel 2002. Il secondo album del gruppo, “Cursed Cross“, vede la luce nel 2006.

La terza fatica da studio dei The Crucifier, “Voices In My Head” (Punishment 18 Records) arriva nel 2017. Un Thrash Metal molto moderno, pulito e chirurgicamente preciso ma che non manca di quella genuina aggressività che ne ha dettato le regole di base. Un concentrato di riffs e ritmiche lineari che si mantengono quasi inalterati lungo tutta la durata del disco (eccezion fatta per la costruzione dell’arrangiamento di “Forgive But Don’t Forget” che assume dei toni vagamente Crossover / Thrash) ma che variano nelle parti soliste come in “Fake Truth“, “Open Your Eyes” o nella appena citata “Forgive But Don’t Forget” che appaiono più tecnicamente marcate e studiate senza però apparire stucchevoli e fuori luogo. Un mix tra D.R.I., Razor, Sacred Reich, Exhorder e Gammacide che si fonde in maniera ottimale all’impronta della band che appare ben consolidata. Nove tracce serrate e dirette che non mancano però di riservare improvvise virate e rallentamenti come accade per il continuo cambio nel ritmo di “Happy Face Man” che confonde continuamente chi ascolta riuscendo a diventare il brano più interessante dal punto vista strumentale.

Un terzo album molto buono per il combo greco, forse troppo scarno nel suo concepimento con pochi momenti che lasciano il segno in maniera profonda ma che rimane comunque un buon disco Thrash Metal veloce e aggressivo al punto giusto.

TRACKLIST:

  1. Within Insanity
  2. Open Your Eyes
  3. Problems
  4. Happy Face Man
  5. Forgive And Don’t Forget
  6. Born To Be A Slave
  7. Imaginary God
  8. Fake Truth
  9. Voices In My Head

LINE-UP:

Hlias “Thanatoid” Kyriazis – Vocals
Nikos – Guitar
Spyros – Guitar
Themis – Bass
Dimitris (In Core) – Drums

WEB:

Facebook

YouTube

Bandcamp

Commenti

Commenti

About Daniele Vasco

Daniele Vasco
È possibile contattarlo al seguente indirizzo email: daniele@we-rock.info