Home / Approfondimenti / Quando la registrazione di un album diventa “Horror”

Quando la registrazione di un album diventa “Horror”

È stata pubblicata dal sito Gigwise.com una classifica alquanto macabra e a tratti divertente degli album più “insanguinati”, ossia quei lavori discografici la cui genesi ha visto molte difficoltà, liti violente, rotture e vere e proprie tragedie.

La classifica, chiamata “THE WORST EVER ALBUM RECORDING SESSIONS: 9 HORRIFIC STUDIO TALES“, rivela una serie di retroscena legati a band, album e nomi conosciuti, che portano in luce alcuni scenari “orrorifici” nel periodo della registrazione.A partire da Beatles, Radiohead, Guns N’ Roses e Rolling Stones.

Secondo la classifica, gli album più difficili da registrare a causa di un uso forsennato di eroina, abusi e violenze furono: ‘Exile on Main Street’, album dei Rolling Stones del 1972, quando Keith Richards ha quasi rischiato la morte per eroina; ‘Trout Mask Replica’ dei Captain Beefheart (1969) durante la cui registrazione i musicisti vennero psicologicamente e fisicamente abusati; ‘OK Computer’ (1997) dei Radiohead, a proposito del quale il frontman Thom York ha dichiarato di essere quasi morto; ‘Smile’ (1966-67) dei Beach Boys con un Brian Wilson al limite del delirio a causa delle droghe.

Infine, un album storico e universale: Let it be, dei Beatles, anno 1969. In quell’occasione pare che i rapporti fossero ai minimi storici e le tensioni altissime. John Lennon & Co. scesero alle mani, arrivando quasi alla rissa ed Harrison assalì Yoko Ono.

L’album praticamente decretò la fine di uno dei gruppi più influenti della storia…

 

(funweek.it)

Commenti

Commenti

About Lisa

Lisa