Superhorrorfuck: il rock’n’roll si veste di horror

superhorrorfuck231 ottobre 2005.

Quattro ragazzi, membri di una band chiamata Morphina, stavano guidando attraverso il bosco di Desperation City, verso un sudicio pub dove avrebbero dovuto suonare per un party di Halloween.

I quattro ragazzi non raggiunsero mai la destinazione, l’auto si schiantò misteriosamente e i loro corpi non furono mai ritrovati… Al loro posto, quattro cadaveri morti di fresco raggiunsero il pub, si chiamavano Superhorrorfuck…

 

Dicembre 2009.

Un sergente di polizia che stava ancora indagando sui quattro ragazzi scomparsi misteriosamente quattro anni prima, scompare a sua volta… Alcuni giorni più tardi, i Superhorrorfuck presentano il loro quinto membro, Sgt. Anubis

 

2013.

Dopo otto anni di disgustosi spettacoli dal vivo e due album pubblicati, i Superhorrorfuck conquistano il controllo completo sui loro cadaveri, ma qualcosa di inaspettato li sta aspettando… Voci, immagini e ricordi del loro passato iniziano ad urlare dentro le loro teste… I cinque ragazzi si rendono conto che i corpi non appartengono a loro, ma sono solo gusci morti dove sono ancora vivi, emozioni e ricordi dei precedenti proprietari e così iniziano una terribile battaglia interna…

Solo due di loro vincono questa battaglia contro queste “immagini ante – mortem”: infatti, Paghalloween, Littlebomb e Sgt.Anubis decidono di tornare alle loro vite precedenti, esorcizzando il male che li cacciavano, e Dr.Freak & Mr.4 cominciano immediatamente un macabro processo di “iscrizione” di nuovi membri, attraverso il sangue, la morte e strani riti demoniaci…

Ancora una volta i Superhorrorfuck sorgono dalla tomba, anche più sporchi, più impertinenti e cattivi rispetto a prima, con un nuovo album “Death Become Us” e una nuova line-up: Dr.Freak, Mr.4, Deadly Bucks, Franky Voltage e Izzy Wyldhell, sono pronti a diffondere la parola di Horrorchy sui palcoscenici in tutto il mondo e, naturalmente, nei vostri incubi migliori…

 

Okay!…

Con una “biografia ufficiale” di così è fin troppo scontato che, a prima vista, i membri di questa band, possano apparire inquietanti, il frutto di un frontale tra i tour-bus di Twisted Sister, Kiss e Wednesday 13th.

Si può credere che facciano musica estrema.

Ma…

A dispetto del loro look e di quello che si può pensare, la band non suona nulla di estremo, anzi, il loro genere potremmo definirlo un punk’n’roll festaiolo, sanguigno, pieno di energia, immediato e orecchiabile, con incursioni funky e latine.

superhorrofuck copertinaIl loro nuovo album “Death Become Us” è uscito il 13 settembre di quest’anno. Pure shock’n’roll.

Si parte con Dead World I Live In, Down At The Graveyard, Death Becomes Us, tre pezzi veloci, con potenti riff di chitarre, ritmi coinvolgenti. Tre pezzi con i contro coglioni. Tre canzoni che ti entrano in testa con violenza per non uscirne più. Brani dall’arrangiamento frenetico.

Love After Death, un brano più cadenzato ma ugualmente ritmato e potente.

Voodoo Holiday, ironica, divertente, perfetta per ballare ad una festa in piscina tra amici (se non ci credete guardatevi il video), dal ritornello immediatamente memorizzabile. Una canzone che vi farà capire quanto sia difficile e altrettanto pericolosa la vita per gli zombie: “For each one who wants to kiss me \There’s another one who wants to kill me \ Stress is bad for living dead \ I need a voodoo holiday!”, “Life is hard \ but you don’t know \ Death is even worse \ Can you guess how it feels \ Being a Rockstar living corpse. (Dopo averla ascoltata non credo che tiferete più per i buoni in The Walking Dead!)

The Ballad Of Layla Drake, una ballata in piena regola, con echi country e rimandi ad un “insolito” King Diamond… un inizio dal sapore quasi romantico (“Once upon a time in a small village \ Lived a nice young maid called Layla Drake \ She was so happy she was about to marry”)per i primi quaranta secondi almeno (“But the very day before \ She drowned in the lake”), dopodiché, la bestia si scatena in tutta la sua cattiveria e irriverenza. Un pezzo epico.

Threesome With The Dead, un brano che non sfigurebbe nemmeno se fosse eseguito insieme ad un mostro sacro dello shock’n’roll come Alice Cooper. Threesome With The Dead è la storia di un orgia tra uno zombie e  due assatanate ragazze dopo uno scoppiettante concerto.

Ante-Mortem Pictures, per questa canzone, i S.H.F., si trasformano in una metal band vera e propria, con rimandi thrash che ricordano gli Anthrax. Assoli di chitarra da manuale, un intermezzo rallentato, una canzone mai banale, che entra subito in testa. Head-banging assicurato!

Break Your Shit (feat Vikki Violence & Dixxi from London Based Hellfire Club), punk allo stato puro. Diretto in faccia come un pugno. Un possente calcio nel culo di chi ascolta. “We are gonna break your fuckin’ shit”. Rapido e conciso (non perché dura poco più di un minuto e mezzo intendiamoci).

Headless Groupie, Horrorchy Pt. III:  The Lord, Holy Zombie (feat. Frenky & Caste from Easy Trigger – Holy Bullshit remix), total heavy metal, horror–story davvero godibili, ritmi incalzanti atti a scatenare nuovamente un head-banging frenetico a tempo con la musica. (Nota: Lead guitar and solos by: Paghalloween; rhythm guitar by: Sgt. Anubis; drums by: Littlebomb)

 

Un album che, forse, non è nato con l’idea di un concept, ma raccoglie dentro di sé tredici storie di uno spensierato e scanzonato gruppo di zombie lasciati liberi di scorrazzare per le strade a fare quel cazzo che vogliono, pronti a tirarsi dietro orde scatenate di groupies arrapate e fans euforici e divertiti. Un cocktail di sonorità rock intriganti e ben studiate.

Show indimenticabili assicurati!

Ah! Quasi dimenticavo: pare che questa band sia italiana!

 

Per saperne di più:

www.superhorrorfuck.netwww.logicillogic.net

 

SUPERHORRORFUCK sono:

Dr.Freak – Vocals

Mr.4 – Bass

Deadly Bucks – Guitars

Izzy Wyldhell – Guitars

Franky Voltage – Drums

 

Membri precendenti:

Paghalloween – Guitars

Sgt. Anubis – Guitars

Littlebomb – Drums

 

Daniele Vasco

Commenti

Commenti

About Daniele Vasco

Daniele Vasco
È possibile contattarlo al seguente indirizzo email: daniele@we-rock.info

Lascia un commento