8
Giudizio Complessivo "Eccellente"

I Supasonic Fuzz si formano nei primi mesi del 2010 e dopo alcuni cambi di nome (Without… prima e Supersonic Fuzz poi), la registrazione di alcuni bootleg sempre venduti esclusivamente ai concerti, e alcuni aggiustamenti di formazione, giungono alla registrazione del primo album ufficiale, intitolato “Without…“, prodotto da Marco Barusso (Cayne, The Price, 883, Thirty Seconds To Mars, Pooh e tanti altri) e distribuito da Orzorock Music.

L’attività live della band è sempre stata intensa, tra festival, motoraduni, concerti da headliners,e il seguito locale raggiunto dalla band è notevole. Indiscrezioni ci dicono che il power-trio composto da Martin, Pixo e Steva sia già al lavoro su nuovo materiale, che andrà a far parte della seconda uscita discografica.

Occupiamoci della prima release del gruppo,  album registrato in un solo giorno, alla fortezza di Castelfranco (Finale Ligure),  per imprimere su nastro la totalità dell’attitudine e del groove che la band sprigiona dal vivo.

Già all’attacco dell’iniziale “Away From All” veniamo investiti da un Hard Rock sanguigno e stradaiolo che ricorda i Motörhead ma in una veste più prossima allo Stoner figlio dei Kyuss, un sound più veloce, sostenuto e distorto, dove la ritmica e la chitarra si uniscono quasi in un unico suono e il graffio tra il verace e il sofferto delle vocals trasporta su strade deserte e assolate. Una partenza ottimale per questo esordio. Sensazione che si amplifica nella successiva “Blocks“, dove l’impronta personale della band prende sempre più il sopravvento e il loro Hard / Stoner Rock si fa sempre più vivido delineando perfettamente lo stile di questa proposta. L’album scorre liscio ed infuocato lungo tutta la tracklist senza presentare modifiche come cambi di stile o aggiungendo influenze diverse dai due stili di partenza, se si escludono le varianti melodiche che caratterizzano “K.T.B.“, sesta traccia in scaletta, dove il trio passa abilmente da impetuose tempeste elettriche ad ottimi intermezzi granitici e melodici allo stesso tempo. Un album lineare forte di ritmi decisi, riffs taglienti e di un cantato convincente. Una potente cavalcata attraverso nove brani duri come la pietra, dove i Nostri dimostrano un’attitudine perfetta e un approccio sfacciato e scatenato. Il tutto avvalorato da brani semplici e diretti ma non per questo privi di anima. Una band da tenere strettamente sotto controllo in attesa dell’uscita del secondo full-lenght che viste le premesse, se non vi saranno colpi di testa, sarà un piacere scoprirlo, ascoltarlo e raccontarvelo.

TRACKLIST:

  1. Away From All
  2. Blocks
  3. Death Woman
  4. Fluid
  5. Deep Trip
  6. K.T.B.
  7. Myself…The Pusher
  8. Mirror
  9. Underust

LINE-UP:

Martin – Vocals / Guitar

Pixo – Bass

Steva – Drum

WEB:

Facebook:  https://it-it.facebook.com/supasonic.fuzz

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCUYDwhCWn6ByytM_cpePK1A

 

Commenti

Commenti