Black Sabbath, Geezer Bulter: «volevo intitolare ‘God Is Dead?’ ‘American Jihad’»

I Black Sabbath, con “13” cavalcano l’onda del successo, che ha debuttato alla posizione numero #1 nelle classifiche di molti paesi, inclusi USA e UK e questa settimana è ancora nella top 5 degli States.
La band, ancora in piena modalità promo ha rivelato di recente delle curiosità molto interessantI! Il bassista Geezer Bulter avrebbe voluto intitolare il primo singolo della band, infine battezzato “God Is Dead?”, “American Jihad”.

Ozzy:

Ero in uno studio medico e c’era una rivista lì con in copertina questo tema. Ho pensato “Yeah – le persone volano con aerei contro il World Trade Center a causa di Dio. Non possono succedere tutte queste fottutissime e merdosissime cose in nome di Dio!

Geezer:

Ozzy mi ha dato questo tema e io ho scritto i testi. Volevo chiamare quel brano “American Jihad”.

Ozzy:

Ma che cazzo! [ride] Sono il frontman che la canta! Mi sarei trovato fuori un esercito! E ora avremmo dovuto suonare… “American Jihad” [rende il suono della pistola e mima di accasciarsi a terra morto]. Io non sono preoccupato di venire ucciso, ma di come questo possa succedere! Il tipo deve cacciare un buon colpo e non farmi sentire alcun dolore! [ride]. Nei primi giorni dei Black Sabbath ci sono state un sacco di reazioni negative da parte di gruppi religiosi. Mi ricordo una volta a Memphis, bussarono alla mia camera d’albergo e ad attendermi c’erano tutti questi bambini cristiani con le candele in mano. Faccio loro il cenno come se fosse per me e ho cantato “Happy birthday to you!”.
Mi sono state inviate lettere scritte col sangue. A casa mia ho circa 25 fottute Bibbie, ciascuna con sottolineati dei passaggi che il mittente voleva che leggessi!

Be’ effettivamente intitolare il primo singolo “American Jihad” avrebbe scatenato non poche reazioni negative, quindi forse è stata una saggia scelta,  anche se, in passato, altre band non hanno avuto alcun problema inserendo la Jihad nei loro titoli.

Commenti

Commenti

About Redazione

Redazione
Classe 1980, da sempre amante della buona Musica, musicalmente è cresciuto ascoltando il Rock italiano prima (galeotti furono i Litfiba) e il Dark/Gothic Metal dopo, per finire all'Indie e al Rock classico. Animo ribelle e Rock, si “droga” di Musica e non rifiuta mai una birra. È possibile contattarlo a questo indirizzo email: nino@we-rock.info